Presentazione  
Il programma  
Le Quadriglie 2013  
Mappa del circuito  
I premi  
Scuole  
Edizioni precedenti  
Storia del Carnevale  
100 anni di Maestri  
Le Quadriglie, Storia  
Albo d'Oro  
Foto  
Diretta Streaming  
 
 
 
 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
     
     
 
Palma Campania - Cenni storici
 

Sin dal 2000 a.C. , nel territorio di Palma e nell’area circostante, erano insediate popolazioni preistoriche, come attestano gli studi di Claude Arbore Livadie su reperti archeologici risalenti al Bronzo Antico, rinvenuti in località Balle a Palma.
Tra la fine dell’Età del Bronzo e l’ inizio dell’Età del Ferro, la pianura campana fu abitata dagli Osci, nell’VIII secolo a.C. dai Greci, nel VI secolo a.C. dagli Etruschi, che cominciarono a stabilirsi in Campania e a costruire una confederazione di dodici città.
L’ipotesi più attendibile sull’origine di Palma è che una città importante tra il V ed il II secolo a.C. abbia avuto vita nell’attuale territorio del comune (estesa necropoli in località Balle) e molto probabilmente la sua acropoli si trovava nell’attuale frazione di Castello.
Alla scomparsa di questa città, forse causata o da fenomeni naturali o più probabilmente distrutta nel periodo della guerra civile da Silla, sopravvisse l’antica Acropoli con un nuovo centro abitato denominato tegeiano o Terlano che fu probabilmente sommerso in seguito all’eruzione del 79 d.c..
Nella raffigurazione della Campania sulla Tabula Peutigeriana (antica carta per itinerari militari in uso nel periodo di massima espansione romana) viene indicato, lungo la via consolare Popilia, a cinque miglia da Nola e a nove da Nocera, un edificio a pianta quadrangolare con la denominazione di “ad Teglanum”.
La via Popilia collegava Reggio Calabria con la Lucania e passando per Nocera e Nola, giungeva a Capua, dove si congiungeva con la via Appia. La distanza in miglia romane di “ad Teglanum” da Nola e da Nocera, dimostra inequivocabilmente, che la stazione debba localizzarsi nel territorio di Palma Campania, forse in località di Toppa di Ajello.
All’inizio del II secolo d.C. veniva fondata dal console Palma, da cui prese il nome, la nuova città intorno all’acropoli di Castello e infatti, nei secoli successivi, la totalità delle testimonianze indica con Piè di Palma la base della collina e con Piano di Palma la pianura sottostante.
Nel periodo della massima influenza romana furono costruiti numerosi insediamenti rimasti attivi fino al periodo delle prime invasioni barbariche che determinarono l’abbandono della fertile campagna e la fuga degli abitanti sulla collina di Castello e sui monti circostanti.
Solo verso il finire del X secolo, la popolazione ridiscese dalle alture e si insediò sulle pendici della collina, in località Botteghe, che indicava il luogo dove erano ubicate le botteghe, in cui gli artigiani svolgevano la loro attività.
Alla fine dell’XI secolo cominciò a prendere forma l’odierno abitato intorno alla Chiesa di S. Maria la Nova, oggi S. Michele Arcangelo.
Sorsero allora i primi nuclei abitati da via Ferrari e via Belvedere e il nucleo di Casalicchio, ora via Croce, quartiere prevalentemente rurale, che dovevano costituire l’insediamento originale dell’attuale cittadina di Palma.
Nel corso dei secoli la città divenne possedimento di numerose famiglie aristocratiche aragonesi fino a divenire parte della corte di Napoli e successivamente proprietà di altri feudatari.
Con le leggi del 1806 e del 1809 promulgate da Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat il territorio di Palma raggiunse completa autonomia e modificò la propria denominazione in Palma Campania dopo l’unità d’Italia, a seguito della norma legislativa, emanata nel 1863, in base alla quale si consentiva a tutti i Comuni del meridione di apportare le modifiche che essi ritenevano più idonee.
Fino al 1923 fu capoluogo di mandamento. Per un periodo il comune ha fatto parte della provincia di Caserta e successivamente è stato inglobato  nella provincia di Napoli.

 
 
La Fondazione
Consiglio
Regolamenti e Premi
Contatti
  Palma Campania  
Il paese
Percorso turistico
Ospitalità
Numeri utili
  Informazioni  
Come arrivare
Mappa interattiva
Aree parcheggi
Meteo
  Credits  
Sponsor
Problemi di visualizzazione?